"Il pittore della luce."
» Ignazio Lucibello

Ignazio Lucibello è il nuovo pittore di Amalfi. Dell’unica e ineguagliabile bellezza del divino paese egli sa rendere e interpretare i più mutevoli aspetti: le marine, i poggi fioriti, le visioni panoramiche, gli angoli pittoreschi, le vecchie strade, le barche cullate sul mare lucido o riposanti sull’arena calda, il porto tranquillo, visti sotto gli effetti delle ore più diverse del giorno. Il sole, la luce: ecco ciò che può dirsi la chiave magica, il segreto dell'arte sua. I suoi quadri più belli sono appunto quelli eseguiti in piena luce....
Vita e poesia, ecco i caratteri precipui che si riscontrano in quasi tutta l’opera del giovane pittore amalfitano. Egli andrà sempre avanti, verso la perfezione...
Ignazio Lucibello è un giovane: ha una buona esperienza perché rivelò la sua predisposizione artistica da piccola età, ha lavorato e lavora con tenace e fervida alacrità, senza però lasciarsi mai trasportare da quelle che protebbero essere giustificate deviazioni giovanili. Non segue alcuna moda, non si disperde in fatiche o in anticipazioni vane: egli vi conduce, attraverso vie illimitate, a fonti sane e dimenticate di vita, a sorgenti alte dove la polla è fresca e chiara. Con lungo esercizio e costante passione, egli è pervenuto - ammirevole perché provato da una vita non sempre facile - a visioni d’arte, piantate su disegno perfetto, che rivelano una dolce armonia di rappresentazionie di colori, di espressioni e di luce. Non sfoggia inutili bravure; la tecnica è per lui soltanto mezzo indispensabile e sapiente di trasfusione, di sentimento, d'interpretazione...
Angelo Di Salvio - 1933 mostra personale a Roma

...E nelle sue opere porta sempre, nota dominante, una luminosità intensa unita ad una ricercata raffinatezza cromatica... Ritmicamente il suo pennello si posa sulla tavolozza, ne carpisce un po' di colore, indi si scaglia con impeto sulla tela. I colori acquistano forma, sostanza, diventano case, alberi, cielo tersissimo e mare azzurro...
Sigismondo Nastri - 1956 mostra personale al Gran Caffé di Amalfi

La tavolozza dei colori si è andata schiarendo ed esalta, come d'altronde ad Amalfi, la poesia delle cose più semplici e le più consuete. Ora anche i più importanti monumenti perdono la loro singolarità e impenetrabilità e finiscono per incontrarsi con figure senza volto, di spalle, e di tutti i giorni. ... qualunque cosa il suo pennello sfiorasse veniva innalzato a dignità e riusciva a trasmettere emozioni; qualunque cosa egli riproponesse, per quanto banalmente familiare, egli la investiva, come per un tocco magico, di grandiosità e di interesse.
Nicola Caldarone - 1990 mostra retrospettiva a Cortona



home | biografia | opere | affreschi | mostre | stampa | contatti
Copyright © 2007 - Ignazio Lucibello - All Rights Reserved